She Is Always In My Hair (Prince)

The architect Luca Bolognese, nicknamed Mr. Gaut, is thinking of and making an exclusive collection of paintings on canvas using human hair, named OUT OF HEAD. These works are inspired by a creative speech in 2004 of the architect and are destined to develop into a different direction in these years. In 2005, he created a new artistic field that goes by the name of “Sovra-realism” a word that remembers the present-day surrealists. But it is only the name that has been clearly met by poetic influences. Paraphrasing a term used in the PC world the sovra-reality may identify itself in a sort of layer added to that has become possible to observe the humanity below, overlapping itself to it. From this position the sovra-realist observes in a detached way of the inspired land below and reinterprets it with its own sensibility looking to modify the results. Luca Bolognese is looking for impossible synergies in order to make use of the material solutions that have been titled off-limits. In the literary field, he was given a prize for a theatrical comedy called “Jam Session in Autobus” in which he has written the comic scene “Acid House” where household objects are the main actors that talk badly about their owners. This realism is an experiment that looks at reality from another angle, in this case the perspective of the objects. Bringing a life and spirit to inanimate objects as if they are following a course of a formative intellectual. Similarly, is also the realization of picture works, the search of an alternative form of communication where the frame is the projected artistic bench; a material excuse in order to communicate formal suggestions and emotions, but also a symbol of art that reaches the human body as a source of inspiration. The first works of his are of self-portraits, in which the hair of the artist tangles and interlaces itself to give a depth to the canvas. The artist utilizes his hair and that of his clients, creating some of the most personal contemporary interpretations. The unity of a physical product such as hair brings life to the inanimate canvas. Every person feels a part of the artwork. It can be looked at as a personal interpretation of the ethical topic of cloning that is so terribly present in our world and in television debates. Luca Bolognese ideally anticipates a future where some parts of the human body will be able to recreate some of the life samplings of DNA, but he limits himself to firmly stop only on the canvas. This is a new way for revealing the individuality of oneself. The artist is not cloning but rather leaving a sign of unique life. Hair in our contemporary era has only an aesthetic value: an orgasm for shampoo and conditioner, nothing more. But in the past and in other social contexts, hair was contributed to various symbolic values. In China, to cut hair would be a dishonor. In ancient Rome, the soldiers had short beards and hair in order to make a point of not falling to the enemies. In France, to have long hair was a privilege of the king and the nobility as well as to become sacred similar to the things of the church. Those of the primitive animistic religion had long hair and melted it for prayer and dancing to come in contact with the supernatural. Hermits leave themselves uncultivated as a testimony to themselves from the rest of the world. Peot, the long hair on the sides of the head of the Orthodox Jews are in response to a biblical passage. But also hair had superstitious importance. In sea lands, wives of sailors were not able to cut their hair until their husbands returned to the mainland, in fear of unfortunate pain and misfortune. Among the peasants, one believed that it was bad to cut the hair of babies before they turned one year old. In ancient Egypt, when a boy recovered from disease, the family cut the hair and put it on a balance, then they poured the amount due in gold and silver for giving to the caretakers of the sacred animals. To cut the hair of oneself is also a way of expressing mourning. The Egyptian god Iside made the gesture after having known of the death of Osiride. Omitting customs and fashions, it is pleasing to Bolognese to think that hair is “like a light weft which fastens its own spiritual thoughts, almost it is a figure of separation of the material and of the instinct of that which is soul and spirit” (Friedrich Wilhelm Nietzche). Ideas materialize themselves in the head under the growth of hair. The different curves of every person create an asymmetric design, so irregular that on can identify each person immediately. Likewise, artificially colored hair and the styles of hair become the stimulus to show the multiple facets of every living being. Hair also marks the inescapable course of life with its changes in color, and they come to a stop on the canvas. We must remember that the artist is already known for being the first man in the world to bring about the topic of contemporary canes, another example of the superrealistic interpretation of reality.

“From here you will conceive and give birth to a son, no razor shall come on his head for the child shall be consecrated as a Nazarite unto God from the womb.” Letter from the Bible: The Book of Judges 13:1-16:31 The Birth of Samson

Hair is “like a light weft which fastens its own spiritual thoughts, almost they are a figure of separation of the material and of the instinct of that which is soul and spirit” (Friedrich Wilhelm Nietzsche).

She is always in my hair (prince)

L’ arch. Luca Bolognese con lo pseudonimo di Mr.Gaut pensa e realizza una collezione esclusiva di pitture su tela utilizzando i capelli umani, intitolata “fuori di testa”. Queste opere fanno parte di un discorso creativo intrapreso nel 2004 dall’ architetto e destinato a svilupparsi in diverse direzione in questi anni. Nel 2005 crea una nuova corrente artistica che va sotto il nome di “sovrarealismo” una parola che ricorda la corrente surrealista; ma lo è solo nel nome anche se, se ne ravvisano chiare influenze poetiche. Parafrasando un termine usato in ambiente Cad la sovrarealtà può identificarsi in una sorta di layer aggiunto da cui è possibile osservare l’ umanità sottostante, sovrapponendosi ad essa; da questa posizione il sovrarealista osserva in maniera distaccata il sottostante terreno ispirativo, e lo reinterpreta con la propria sensibilità cercando di modificarne i risulatti. Luca Bolognese cerca sinergie impossibili e per fare ciò utilizza soluzioni materiche off limits. In campo letterario dopo essere stato secondo premio per una commedia teatrale “jam session in autobus” scrive e mette in scena la commedia “Acid House “ dove gli oggetti sono gli attori protagonisti che parlano male dei propri proprietari. Un esperimento sovrareale che guarda la realtà da un altra angolazione, in questo caso l’ angolazione dell’ oggetto. Immedesimersi anche in oggetti inanimati come perscorso formativo intellettuale. Va in questa direzione anche la realizzazione di queste opere pittoriche ; ricerca di un alternativa comunicativa, dove il quadro è il banco progettuale artistico; un pretesto materico per comunicare suggestioni ed emozioni formali, ma anche un distintivo segno di un arte che ormai attinge anche al corpo umano come fonte di ispirazione. Le prime opere sono degli autoritratti, in cui i capelli dell’ artista in un groviglio di intrecci creano profondità alla tela.L’ artista utilizza i suoi capellli e quelli dei clienti creandone delle personalissime interpretazioni contemporanee. L’ unicità di un prodotto fisico come i capelli rendono viva la tela inanimata. Ogni persona si sente partecipe dell’ opera d’ arte. Un personale modo interpretativo di un tema etico come la clonazione così terribilmente di attualità in rete e in dibattiti televisivi. Luca Bolognese anticipa idealmente un futuro dove da parti del corpo umano si potrà ricreare la vita campionandone il DNA, ma si limita solo a fermare ferma questa idea sulla tela. Un modo nuovo per palesare l’ unicità dell’ individuo. L’ artista non clona ma lascia un segno dell’ unicità della vita.  I capelli nel nostro contemporaneo hanno soltanto un valore estetico, orgasmo per gli shampi e I balasami, niente più. Ma in altre epoche e in altri contesti sociali ne attribuivano valori simbolici diversi: In Cina tagliare i capelli era un disonore, nell'antica Roma i soldati portavano barba e capelli corti per non offrire un punto di presa ai nemici; in Francia avere i capelli lunghi era un privilegio di re e di nobili.Per diventare anche simulacri di sacralità: Lo sciamano porta i capelli lunghi e sciolti per pregare e, danzando, entrare in contatto con il soprannaturale; gli eremiti li lasciano incolti per testimoniare il loro distacco dal mondo. Le peot, i lunghi capelli ai lati del volto degli ebrei ortodossi, sono in ossequio ad una prescrizione biblica. Ma anche significati superstiziosi importanti: Nei paesi di mare, le moglie dei marinai non si tagliano i capelli finché il marito non è tornato sulla terraferma, pena disgrazia e sventura. Tra i contadini si pensa che porti male tagliare i capelli ai bambini prima che abbiano compiuto un anno di vita. Nell'antico Egitto, quando un ragazzo guariva da una malattia, la famiglia gli tagliava i capelli e li metteva su di una bilancia, quindi versava il corrispettivo in oro e argento ai custodi degli animali sacri. Tagliarsi i capelli è anche un modo di esprimere il lutto. Iside compì il gesto dopo aver saputo della morte di Osiride. Tralasciando usanze e costumi al Bolognese piace pensare che, i capelli siano "come una leggera trama cui agganciare i propri pensieri spirituali, quasi fossero un filtro di separazione del materiale e dell'istintivo da quello che è spirito e anima". ( Friedrich Wilhelm Nietzsche). Le idee si materializzano sulla testa sotto forma di capelli. Le loro curve diverse per ogni persona creano disegni asimmetrici, irregolari che identificano immediatamente la persona. La stessa artefazione nel colore e nella forma del capello diventa stimolo per mostrare le molteplici sfaccettature di ogni essere vivente. I Capelli segnano anche il corso ineluttabile della vita con I suoi cambi di colore, e vengono fermati su tela. Ricordiamo che l’ artista è già insignato per essere il primo uomo al mondo che tratta il tema dei bastoni da passeggio contemporanei, altro esempio di interpretazione sovrareale della realtà.

“Poiché ecco, tu concepirai e partorirai un figlio, sulla cui testa non passerà rasoio, perché il fanciullo sarà un nazireo consacrato a Dio fin dal seno materno.” Lettura della Bibbia: Giudici Capitolo 13:1-16:31 Sanaome 15mo Giudici d' Israele La Nascita di Sansone L'annunzio della nascita di Sansone

I capelli sono "come una leggera trama cui agganciare i propri pensieri spirituali, quasi fossero un filtro di separazione del materiale e dell'istintivo da quello che è spirito e anima". ( Friedrich Wilhelm Nietzsche)

CAPELLI SU TELA  HAIR ON THE CANVAS

MATERNITA'

dipinto su tela con smalti acrilici e capelli 70x50 anno 2010

ATOLLO

dipinto su tela con smalti acrilici e capelli  70x 50 anno 2010

GIRASOLI

dipinto su tela con smalti acrilici 70x50 anno 2010

I FUCILI DI SHANNON

dipinti su tela con smalti acrilici e capelli 70x50 anno 2010

FUOCO INTERIORE

dipinto su tela con smalto acrilico bianco e  capelli 50x70 anno 2009

OSSESSIONE DI BAMBOLA

dipinto su tela, con smalti acrilici e capelli sintetici 50x70 anno 2010

ARGENTEE VISIONI

dipinto su tela, con carta di alluminio e capelli 50x70 anno 2010

CASA NELLA PRATERA

dipinto su tela con smalti acrilici e capelli 70x50 anno 2009

BIANCHE EMOZIONI

dipinto su tela con smalti acrilici e capelli 50x70 anno 2010

LEGGEREZZA DELL' ESSERE

dipinto su tela con colori acrilici e capelli 50x70 anno 2009

She Is Always In My Hair (Prince)

The architect Luca Bolognese, nicknamed Mr. Gaut, is thinking of and making an exclusive collection of paintings on canvas using human hair, named OUT OF HEAD. These works are inspired by a creative speech in 2004 of the architect and are destined to develop into a different direction in these years. In 2005, he created a new artistic field that goes by the name of “Sovra-realism” a word that remembers the present-day surrealists. But it is only the name that has been clearly met by poetic influences. Paraphrasing a term used in the PC world the sovra-reality may identify itself in a sort of layer added to that has become possible to observe the humanity below, overlapping itself to it. From this position the sovra-realist observes in a detached way of the inspired land below and reinterprets it with its own sensibility looking to modify the results. Luca Bolognese is looking for impossible synergies in order to make use of the material solutions that have been titled off-limits. In the literary field, he was given a prize for a theatrical comedy called “Jam Session in Autobus” in which he has written the comic scene “Acid House” where household objects are the main actors that talk badly about their owners. This realism is an experiment that looks at reality from another angle, in this case the perspective of the objects. Bringing a life and spirit to inanimate objects as if they are following a course of a formative intellectual. Similarly, is also the realization of picture works, the search of an alternative form of communication where the frame is the projected artistic bench; a material excuse in order to communicate formal suggestions and emotions, but also a symbol of art that reaches the human body as a source of inspiration. The first works of his are of self-portraits, in which the hair of the artist tangles and interlaces itself to give a depth to the canvas. The artist utilizes his hair and that of his clients, creating some of the most personal contemporary interpretations. The unity of a physical product such as hair brings life to the inanimate canvas. Every person feels a part of the artwork. It can be looked at as a personal interpretation of the ethical topic of cloning that is so terribly present in our world and in television debates. Luca Bolognese ideally anticipates a future where some parts of the human body will be able to recreate some of the life samplings of DNA, but he limits himself to firmly stop only on the canvas. This is a new way for revealing the individuality of oneself. The artist is not cloning but rather leaving a sign of unique life. Hair in our contemporary era has only an aesthetic value: an orgasm for shampoo and conditioner, nothing more. But in the past and in other social contexts, hair was contributed to various symbolic values. In China, to cut hair would be a dishonor. In ancient Rome, the soldiers had short beards and hair in order to make a point of not falling to the enemies. In France, to have long hair was a privilege of the king and the nobility as well as to become sacred similar to the things of the church. Those of the primitive animistic religion had long hair and melted it for prayer and dancing to come in contact with the supernatural. Hermits leave themselves uncultivated as a testimony to themselves from the rest of the world. Peot, the long hair on the sides of the head of the Orthodox Jews are in response to a biblical passage. But also hair had superstitious importance. In sea lands, wives of sailors were not able to cut their hair until their husbands returned to the mainland, in fear of unfortunate pain and misfortune. Among the peasants, one believed that it was bad to cut the hair of babies before they turned one year old. In ancient Egypt, when a boy recovered from disease, the family cut the hair and put it on a balance, then they poured the amount due in gold and silver for giving to the caretakers of the sacred animals. To cut the hair of oneself is also a way of expressing mourning. The Egyptian god Iside made the gesture after having known of the death of Osiride. Omitting customs and fashions, it is pleasing to Bolognese to think that hair is “like a light weft which fastens its own spiritual thoughts, almost it is a figure of separation of the material and of the instinct of that which is soul and spirit” (Friedrich Wilhelm Nietzche). Ideas materialize themselves in the head under the growth of hair. The different curves of every person create an asymmetric design, so irregular that on can identify each person immediately. Likewise, artificially colored hair and the styles of hair become the stimulus to show the multiple facets of every living being. Hair also marks the inescapable course of life with its changes in color, and they come to a stop on the canvas. We must remember that the artist is already known for being the first man in the world to bring about the topic of contemporary canes, another example of the superrealistic interpretation of reality.

“From here you will conceive and give birth to a son, no razor shall come on his head for the child shall be consecrated as a Nazarite unto God from the womb.” Letter from the Bible: The Book of Judges 13:1-16:31 The Birth of Samson

Hair is “like a light weft which fastens its own spiritual thoughts, almost they are a figure of separation of the material and of the instinct of that which is soul and spirit” (Friedrich Wilhelm Nietzsche).

She is always in my hair (prince)

L’ arch. Luca Bolognese con lo pseudonimo di Mr.Gaut pensa e realizza una collezione esclusiva di pitture su tela utilizzando i capelli umani, intitolata “fuori di testa”. Queste opere fanno parte di un discorso creativo intrapreso nel 2004 dall’ architetto e destinato a svilupparsi in diverse direzione in questi anni. Nel 2005 crea una nuova corrente artistica che va sotto il nome di “sovrarealismo” una parola che ricorda la corrente surrealista; ma lo è solo nel nome anche se, se ne ravvisano chiare influenze poetiche. Parafrasando un termine usato in ambiente Cad la sovrarealtà può identificarsi in una sorta di layer aggiunto da cui è possibile osservare l’ umanità sottostante, sovrapponendosi ad essa; da questa posizione il sovrarealista osserva in maniera distaccata il sottostante terreno ispirativo, e lo reinterpreta con la propria sensibilità cercando di modificarne i risulatti. Luca Bolognese cerca sinergie impossibili e per fare ciò utilizza soluzioni materiche off limits. In campo letterario dopo essere stato secondo premio per una commedia teatrale “jam session in autobus” scrive e mette in scena la commedia “Acid House “ dove gli oggetti sono gli attori protagonisti che parlano male dei propri proprietari. Un esperimento sovrareale che guarda la realtà da un altra angolazione, in questo caso l’ angolazione dell’ oggetto. Immedesimersi anche in oggetti inanimati come perscorso formativo intellettuale. Va in questa direzione anche la realizzazione di queste opere pittoriche ; ricerca di un alternativa comunicativa, dove il quadro è il banco progettuale artistico; un pretesto materico per comunicare suggestioni ed emozioni formali, ma anche un distintivo segno di un arte che ormai attinge anche al corpo umano come fonte di ispirazione. Le prime opere sono degli autoritratti, in cui i capelli dell’ artista in un groviglio di intrecci creano profondità alla tela.L’ artista utilizza i suoi capellli e quelli dei clienti creandone delle personalissime interpretazioni contemporanee. L’ unicità di un prodotto fisico come i capelli rendono viva la tela inanimata. Ogni persona si sente partecipe dell’ opera d’ arte. Un personale modo interpretativo di un tema etico come la clonazione così terribilmente di attualità in rete e in dibattiti televisivi. Luca Bolognese anticipa idealmente un futuro dove da parti del corpo umano si potrà ricreare la vita campionandone il DNA, ma si limita solo a fermare ferma questa idea sulla tela. Un modo nuovo per palesare l’ unicità dell’ individuo. L’ artista non clona ma lascia un segno dell’ unicità della vita.  I capelli nel nostro contemporaneo hanno soltanto un valore estetico, orgasmo per gli shampi e I balasami, niente più. Ma in altre epoche e in altri contesti sociali ne attribuivano valori simbolici diversi: In Cina tagliare i capelli era un disonore, nell'antica Roma i soldati portavano barba e capelli corti per non offrire un punto di presa ai nemici; in Francia avere i capelli lunghi era un privilegio di re e di nobili.Per diventare anche simulacri di sacralità: Lo sciamano porta i capelli lunghi e sciolti per pregare e, danzando, entrare in contatto con il soprannaturale; gli eremiti li lasciano incolti per testimoniare il loro distacco dal mondo. Le peot, i lunghi capelli ai lati del volto degli ebrei ortodossi, sono in ossequio ad una prescrizione biblica. Ma anche significati superstiziosi importanti: Nei paesi di mare, le moglie dei marinai non si tagliano i capelli finché il marito non è tornato sulla terraferma, pena disgrazia e sventura. Tra i contadini si pensa che porti male tagliare i capelli ai bambini prima che abbiano compiuto un anno di vita. Nell'antico Egitto, quando un ragazzo guariva da una malattia, la famiglia gli tagliava i capelli e li metteva su di una bilancia, quindi versava il corrispettivo in oro e argento ai custodi degli animali sacri. Tagliarsi i capelli è anche un modo di esprimere il lutto. Iside compì il gesto dopo aver saputo della morte di Osiride. Tralasciando usanze e costumi al Bolognese piace pensare che, i capelli siano "come una leggera trama cui agganciare i propri pensieri spirituali, quasi fossero un filtro di separazione del materiale e dell'istintivo da quello che è spirito e anima". ( Friedrich Wilhelm Nietzsche). Le idee si materializzano sulla testa sotto forma di capelli. Le loro curve diverse per ogni persona creano disegni asimmetrici, irregolari che identificano immediatamente la persona. La stessa artefazione nel colore e nella forma del capello diventa stimolo per mostrare le molteplici sfaccettature di ogni essere vivente. I Capelli segnano anche il corso ineluttabile della vita con I suoi cambi di colore, e vengono fermati su tela. Ricordiamo che l’ artista è già insignato per essere il primo uomo al mondo che tratta il tema dei bastoni da passeggio contemporanei, altro esempio di interpretazione sovrareale della realtà.

“Poiché ecco, tu concepirai e partorirai un figlio, sulla cui testa non passerà rasoio, perché il fanciullo sarà un nazireo consacrato a Dio fin dal seno materno.” Lettura della Bibbia: Giudici Capitolo 13:1-16:31 Sanaome 15mo Giudici d' Israele La Nascita di Sansone L'annunzio della nascita di Sansone

I capelli sono "come una leggera trama cui agganciare i propri pensieri spirituali, quasi fossero un filtro di separazione del materiale e dell'istintivo da quello che è spirito e anima". ( Friedrich Wilhelm Nietzsche)


arcobaleno psichedelico
45094_10201707741124038_1544961465_n

ARCOBALENO PSICHEDELICO

dipinto su tela  con colori acrilici e capelli  50x70

capelli Luca Bolognese


PSYCHEDELIC RAINBOW
painted on canvas with acrylic paints and hair 50x70
hair Luca Bolognese

cropped-shapeimage_2-10.png
luca bolognese

CASA NELLA PRATERIA

dipinto su tela  con colori acrilici e capelli  50x70

capelli Luca Bolognese


HOUSE IN THE PRAIRIE
painted on canvas with acrylic paints and hair 50x70
hair Luca Bolognese

cropped-shapeimage_2-12.png
cropped-LUK-a.jpg

LEGGEREZZA DELL' ESSERE

dipinto su tela  con colori acrilici e capelli  50x70

capelli Luca Bolognese


THE LIGHTNESS OF BEING
painted on canvas with acrylic paints and hair 50x70
hair Luca Bolognese

cropped-shapeimage_2-11.png
liliana

BIANCHE EMOZIONI

dipinto su tela  con colori acrilici e capelli  50x70

capelli Luca Bolognese


WHITE EMOTIONS
painted on canvas with acrylic paints and hair 50x70
hair Luca Bolognese

cropped-shapeimage_2.png
MIK

ARGENTEE VISIONI

dipinto su tela  con colori acrilici e capelli  50x70

capelli Luca Bolognese


SILVERY VISIONS
painted on canvas with acrylic paints and hair 50x70
hair Luca Bolognese